10 Luglio 2020

Aste, bandi e concorsi:

HAH – HELP ART in HOSPITAL chiamata per Artisti -

domenica, 24 Maggio 2020

Exibart prize 2020 -

domenica, 24 Maggio 2020

Slider

FUORISALONE DESIGN CITY EDITION

La seconda fase sul territorio della Milano Design Week



Fuorisalone, in continuità con la prima edizione Digital lanciata a giugno, rinnova e rilancia il progetto con Fuorisalone
Nasce a Ruoti l'emeroteca intitolata a Renato Angiolillo

A Ruoti apre l’emeroteca dedicata a Renato Angiolillo.



Lunedi 3 agosto 2020 alle 11 sarà inaugurata l'emeroteca dell'Associazione Culturale Giovanile Recupero

Maria Lai. Fame d’infinito. Il nuovo allestimento multisensoriale del Museo Stazione dell’Arte di Ulassai

A distanza di un mese dalla riapertura, il Museo Stazione dell’Arte di Ulassai apre al pubblico il nuovo allestimento della collezione permanente dal titolo “Maria Lai. Fame d’infinito”.
Arte da vedere, sentire, toccare: mai come in occasione del nuovo allestimento, le opere di Maria Lai attraverseranno ogni barriera fisica e intellettuale. Una mostra che è esperienza multisensoriale, concepita per favorire un nuovo approccio all’arte e nutrire la curiosità dei visitatori.
Curata da Davide Mariani, direttore del museo dedicato a Maria Lai, Fame d’infinito scandisce l’intero percorso dell’artista attraverso l’esposizione delle opere più significative da lei donate al Comune di Ulassai. La collezione restituisce, nella sua totalità, l’esperienza creativa di Maria Lai: dalle sculture ai disegni a matita e su china, dai telai alle tele cucite, dai celebri pani ai libri cuciti, dalle geografie alle installazioni e agli interventi ambientali.

Il progetto espositivo, concepito come un’esposizione permanente, è suddiviso secondo un ordine cronologico e tematico ed è arricchito dalla presenza di un sistema di apparati didattici, in italiano e in inglese, da alcune riproduzioni tattili dei manufatti in mostra e da un archivio multimediale interattivo.

«Improntato all’accessibilità fisica e intellettuale, il nuovo allestimento – dichiara Davide Mariani, direttore della Stazione dell’Arte – permetterà allo spettatore di cogliere, attraverso l’uso di sensi diversi (visivo, sonoro, tattile), l’opera di Maria Lai. Allo stesso tempo, segna la nuova vocazione degli spazi del museo che, oltre alla mostra permanente, svilupperà la sua programmazione anche negli altri edifici dell’ex stazione ferroviaria, approfondendo, di volta in volta, alcune tematiche care a Maria Lai, tramite la realizzazione di mostre e progetti site-specific di altri artisti chiamati a dialogare con la sua eredità.»

Leave A Comment

Follow by Email