28 marzo 2017

Bandi e concorsi:

Premio Letterario “Mons. Anselmo Pecci” -

mercoledì, 19 aprile 2017

VII Festival “Come d’arte” -

martedì, 18 aprile 2017

In evidenza

Paolo Schianchi e la sua chitarra a 49 corde
Per la Giornata internazionale del Jazz, la rassegna Gezziamoci porta domenica 30 aprile in Casa Cava a Matera, l'artista Paolo Schianchi. L’Onyx Jazz Club, che organizza l'evento,
Il giardino degli artisti

In epoca moderna tutto inizia in un paesino francese, in quella Giverny che aveva ammaliato Claude Monet trasformandosi in fonte di ispirazione per decine e decine di pittori del tempo. Non
VI Festa di Primavera
Grande attesa e tante novità per la “6° Festa di Primavera con Ficazzole, Panierini e... Bamboline”, che si terrà martedì 25 aprile ad Oliveto Lucano (Matera), promossa dalla Pro Loco “Olea”. Sarà

La Cena dei Cretini

locandina-cena

La Ricotta porta in scena la “La Cena dei Cretini”, opera di Francis Veber. Teatro Don Bosco di Potenza, spettacoli 30 e 31 Marzo alle 20.30; 1 e 2 Aprile doppia replica alle 17 e alle 20.30. Regia di Gianpiero Francese.
Scritta dal francese Francis Veber negli anni Novanta, “La cena dei cretini” è una delle commedie più famose al mondo, diventata un cult dopo essere approdata al grande schermo nel 1998 per la regia dello stesso Veber. La trama è semplice ma di grande impatto comico. Ogni mercoledì sera un gruppo di amici, ricchi e annoiati, organizza per tradizione la cosiddetta “cena dei cretini”, alla quale i partecipanti devono portare un personaggio creduto stupido e riderne sadicamente per tutta la serata. Su segnalazione dell’amico Jean Cordier, l’editore Pierre Brochant individua la vittima ideale in François Pignon, contabile al Ministero delle Finanze e appassionato costruttore di modellini con i fiammiferi, e lo invita a un aperitivo a casa sua prima di recarsi insieme alla cena.

Ma non sempre le cose vanno come ci si aspetta e quella sera il “cretino” di turno riesce a ribaltare la situazione passando da vittima a carnefice. “La cena dei cretini” è un’opera esilarante che coinvolge il pubblico in una serie di paradossali situazioni che i protagonisti sono costretti a vivere, loro malgrado. La forza di questa commedia sta proprio nella semplicità e genuinità della risata che provoca, nella mancanza assoluta di volgarità e in quella punta di moralismo che non guasta. Si ride e si riflette senza accorgersene.
Insieme a Mario Ierace, Tonino e Peppino Centola, saranno in scena Anna Masullo e Sarah Ceccio; e con la partecipazione di Gennaro Tritto.
Scene di Vincenzo Castaldi, realizzazione Officina Tofee, luci Donato Zaccagnino.
Biglietti disponibili presso il botteghino del Teatro Don Bosco a Potenza tutti i giorni dalle 17.00 alle 21.00. Costo del biglietto 15 €.

Share This:

Comments are closed.