28 febbraio 2017

Bandi e concorsi:

Concorso “Giornalisti del Mediterraneo” -

lunedì, 22 maggio 2017

Master “Filmare l’arte” -

giovedì, 11 maggio 2017

In evidenza

Amabili confini: incontri con Di Pietrantonio
Saranno gli incontri con Donatella Di Pietrantonio ad aprire il programma della Seconda Edizione di Amabili Confini, progetto culturale di rigenerazione delle periferie di
Concorso “Giornalisti del Mediterraneo”
Giunge alla 9° edizione il Festival Giornalisti del Mediterraneo. L’evento è promosso e organizzato dall’Associazione “Terra del Mediterraneo”, in partnership con il Comune di Otranto.
Miniera
Inaugurata sabato 20 maggio presso il MAM - Museo delle Arti e dei Mestieri di Cosenza, la mostra personale di Giorgio Bartocci dal titolo “Miniera”. Grazie all’apertura del Dott. Francesco Antonio Iacucci, Presidente

A Matera “MatematicArte”

il-teorema-di-pitagora_87x84-cm_tecnica-mista

Presentata alla stampa la mostra “MatematicArte” un affascinante viaggio nella storia della matematica attraverso 23 pittosculture di Salvatore Sebaste. L’esposizione sarà inaugurata mercoledì 1 marzo, ore 18, presso il Complesso rupestre “Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci” a Matera (via Madonna delle Virtù, Rione Sassi). Ospite d’eccezione il matematico e saggista Piergiorgio Odifreddi, che guiderà i visitatori in un percorso inedito che traduce in forme visive le principali scoperte matematiche degli ultimi 22.000 anni. Dalle tacche incise sull’osso d’Ishango, risalente al Paleolitico, alle cordicelle colorate annodate degli Inca, da Pitagora, Platone e Euclide, alla sezione aurea, fino a Eulero, Gauss e Fourier e l’ipotesi matematica dell’universo.

Le opere, realizzate tra il 2013 e il 2015, sono eseguite con tecnica mista, trattate con resine e impreziosite da terrecotte che richiamano il gusto e le suggestioni delle composizioni fittili della Magna Grecia, terra d’origine del Maestro.

Salvatore Sebaste, classe 1939, nato a Novoli (LE), vive a Bernalda(MT) dove svolge un’intensa attività pittorica, grafica e scultorea. Dal 1956 ad oggi ha realizzato numerose e importanti mostre personali e collettive in Italia e all’estero.

La sua documentazione artistica si trova negli archivi storici della Biennale di Venezia, Quadriennale di Roma, Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma, Biblioteca Nazionale Rai di Roma e Galleria per l’Arte Italiana del Novecento a Firenze, solo per fare alcuni esempi. Nel 1996 ha fondato la Pinacoteca comunale d’Arte Moderna e Contemporanea Bernalda-Metaponto, di cui è stato direttore.

“Nella realizzazione di questa mostra – ha sottolineato l’artista nel corso della conferenza stampa – ha  svolto un ruolo importante l’ingegnere Giuseppe Corvino, del Centro di Geodesia spaziale di Matera, che ha curato le schede descrittive che accompagnano le opere. E’ stata sua l’idea di coinvolgere il Prof. Piergiorgio Odifreddi, che ha subito apprezzato il mio lavoro e accettato di presentare la mia mostra, gratuitamente.

“MatematicArte è una mostra straordinaria – ha commentato Ivan Focaccia, presidente del Circolo “La Scaletta”, che ha curato anche l’allestimento delle opere – le pittosculture del Maestro, a metà tra pittura e scultura, accompagnano l’osservatore lungo un percorso di teoremi e formule matematiche, con nuove forme stilistiche scaturite da un confronto tra il pensiero, qui rappresentato dal mondo dei numeri e la materia plasmata dall’uomo che la utilizza”.

“Il maestro nelle sue opere tradisce sempre un forte legame con le figure mitiche della sua terra d’origine e la cultura magnogreca – ha osservato Antonio De Siena, già soprintendente per i Beni archeologici della Basilicata, tra gli autori dei contributi in catalogo – il suo non è uno sguardo nostalgico verso il passato e  una terra che non frequenta più, ma  da sempre rivolto verso l’attualità e l’impegno civile, ed è  questo il messaggio che vuole dare attraverso i suoi lavori”.

Alla conferenza stampa hanno partecipato anche il prof. Nicola Cardinale, ordinario di Fisica Tecnica Ambientale dell’ Università degli studi della Basilicata, che ha curato la traduzione dei testi del catalogo in inglese e  Antonella Guida, docente dell’Università degli studi della Basilicata, in rappresentanza della rettrice Aurelia Sole, che ha presentato l’incontro  di  giovedì 2 marzo, ore 10, presso l’Auditorium “R. Gervasio” (p.zza del Sedile), organizzato in collaborazione con l’università, in cui il Prof. Piergiorgio Odifreddi terrà una Lectio Magistralis sul tema della mostra. Seguirà l’ adattamento teatrale tratto da “Vita di Galileo” di Bertolt Brecht a cura di Antonio Montemurro di Talìa Teatro, intervenuto nel corso della conferenza stampa.

L’esposizione, organizzata dal Circolo “La Scaletta” con l’ associazione culturale la “Spiga d’oro” di Metaponto, potrà essere visitata fino al 21 maggio 2017.

Alla cerimonia d’inaugurazione con l’artista e il prof. Piergiorgio Odifreddi interverranno: Ivan Focaccia, presidente del Circolo “La Scaletta”, Aurelia Sole, rettrice Unibas, Filippo Bubbico, vice ministro dell’Interno, Raffaello de Ruggieri, sindaco di Matera, Giuseppe Corvino,Centro di Geodesia spaziale di Matera e Antonio De Siena, già soprintendente per i Beni archeologici della Basilicata.

Share This:

Comments are closed.