8 maggio 2019

Bandi e concorsi:

POTENZA: Domenica al via la battaglia playoff!

Domenica il Potenza scenderà in campo per la prima gara della fase playoff contro il Rende. Una città in fibrillazione, attesa spasmodica per quella che sarà la prima partita di tante altre che dividono il Potenza da un sogno, neanche troppo velato, chiamato serie B!La classifica ha dato il suo verdetto, il Potenza è la quinta forza del campionato dopo prestazioni di tutto rispetto.Una squadra umile ma consapevole di avere grandi potenzialità e ampi margini di crescita.La forza di questi ragazzi si è vista nel rimanere concentrati nel raggiungere questo quinto posto, un piazzamento che rappresenta uno dei punti più…

Leggi ancora

L’ARTE E IL PAESAGGIO-Le belle contrade

E’ stato presentato a Catanzaro, presso la sala consiliare “Aldo Ferrara” del Palazzo della Provincia di Catanzaro, alla presenza di relatori di elevato spessore e di un qualificato uditorio, L’ARTE E IL PAESAGGIO – Le belle contrade (Rubbettino Editore), volume di Giorgio Ceraudo che ripercorre la sua attività svolta nelle funzioni di Soprintendente per i Beni Culturali della Calabria. Sono intervenuti all’assise catanzarese, Ivan Cardamone,vicesindaco e assessore comunale alla cultura; Teresa Gualtieri, presidentenazionale federazione Club per l’Unesco; Francesco Cuteri, archeologo; Rosanna Caputo, storico d’arte e l’autore del volume che ha concluso i lavori.Giorgio Ceraudo, architetto, già Soprintendente per i Beni…

Leggi ancora

Matera2019, il cibo diventa arte con Nick Difino

Anche nella food art, come nella scienza, l’errore può segnare un  importante punto di svolta. In questo caso quello del sous-chef giapponese nell’Osteria Francescana di Modena. Gli cade di mano e si disfa la tart al limone. L’incidente, che avrebbe mandato fuori di testa  gran parte degli chef stellati, offre al genio di Massimo Bottura la risposta ad alcune sue storiche perplessità sulle decorazioni e le croste di quel dessert. E così nasce “oops, I dropped the lemon tart”, una torta destrutturata che diventa al tempo stesso un’attrazione del ristorante e un’icona  dell’arte culinaria del terzo millennio. Questa e tante altre storie hanno ispirato e animato…

Leggi ancora

La natura di Arp.

Fino al 2 settembre “La prima cosa che comprai per la mia collezione fu un bronzo di Jean Arp. [Arp] mi portò alla fonderia dove era stato fuso e me ne innamorai tanto che chiesi di poterlo tenere tra le mani: nello stesso istante in cui lo sentii volli esserne la proprietaria” così scrive Peggy Guggenheim nella sua autobiografia Una vita per l’arte (Rizzoli Editori, Milano, 1998) della prima opera acquistata per la sua collezione Testa e conchiglia, del 1933. La Collezione Peggy Guggenheim rende un atteso omaggio all’artista franco-tedesco Jean (Hans) Arp (1886-1966) con la mostra La natura di Arp, a cura di Catherine Craft…

Leggi ancora